striscia decorativa
   

 

Informazioni sull'artista
Paolo Schiavocampo

Archivio Generale Paolo Schiavocampo

È attivo l'ARCHIVIO GENERALE delle OPERE di PAOLO SCHIAVOCAMPO (AGPS), curato da Ad Acta Associazione Culturale (Visita ). L’inserimento delle opere in archivio è gratuito. I collezionisti, possono inviare il loro materiale ad Ad Acta Associazione Culturale (Sono interessato: invia e-mail) o telefonare per informazioni allo 0266981466 per inserire le loro opere in Archivio.

Opere di Paolo Schiavocampo sono presenti in vari musei, tra i quali il Museo del Castello di Pavia, la Pinacoteca di Macerata, il Museo di Gibellina, Il museo F. De Bellis presso la California State University, il Museo di Bochum (Germania), presso il Banco di Sicilia e l'Azienda di Soggiorno e Turismo di Sciacca, presso la Banca Commerciale Italiana ora Banca Intesa, la Banca Popolare sede centrale di Roma e di Milano, una raccolta di cinquanta disegni presso la Banca Popolare di Milano.
Tra le opere pubbliche realizzate dall'artista, si segnalano una piazza e interventi nel palazzo del Comune a Rapolano in provincia di Siena (1980-1985), una piazza a Gibellina (1980), la sistemazione dei giardini a Cassano d'Adda (1983), una fontana a Vada (Livorno) (1980), l'incarico per la realizzazione dell'opera della Fondazione Floriani (1993) e l'inaugurazione del Parco di Hattingen (1996).
Nel 1999 ha vinto il concorso per una fonatana a Sesto San Giovanni (Milano).
Innumerevoli mostre personali e collettive a cui l'artista ha partecipato dal 1950 ad oggi. Tra le più recenti:
  • Pinacoteca Museo Castello Svevo, Barletta - 2001;
  • Centro Arte Contemporanea, Cavalese (Trento) - 2002;
  • Museo Comunale di Pizzighettone, Cremona - 2002
  • Centrale termoelettrica "Alessandro Volta" - Magnetismi delle forme, Montalto di Castro (Viterbo) - 2003;
  • Complesso monumentale "T. Fazello" Sciacca Terme (Agrigento) - 2003;
  • Raccolta Feierabend esposta al Museo Mart di Rovereto (Trento)

Periodizzazione dell’opera di Paolo Schiavocampo

1945 – 1948
Studi di Architettura e Belle Arti a Venezia e Roma. Opere di pittura di indirizzo figurativo:
• Figurativo naturalistico iniziale
• Figurativo formalistico successivo

1948 – 1954
Opere di pittura di indirizzo ancora figurativo:
• Figurativo documentario iniziale a Torino e Milano
• Figurativo neorealista a carattere sociale a Milano

1955 – 1959
Opere di pittura di indirizzo ancora figurativo più libero con ricerca di linguaggio e opere dedicate a Milano e Palermo. Molti disegni e ricerche grafiche.

1960 – 1963
Periodo informale con opere tendenti verso situazioni di carattere nichilista ed esistenziale astratto.

1964 – 1967
A New York inizialmente e a Milano poi. Collaborazione con Scarpitta nella costruzione di una macchina da corsa. Riproduzioni fotostatiche di oggetti casuali della città.
A Milano: costruzione di grandi quadri sulle esperienze del lavoro americano con linguaggio prepop e neo futurista.

1968 – 1974
Abbandono definitivo (almeno nelle intenzioni) della pittura e nel ricordo degli studi accademici con Manzù.
Passaggio alla scultura. Inizialmente con legno e macchine, poi con lastre di metalli vari, montaggi a freddo e saldature, poi con materie plastiche opere di grandi dimensioni sia in ferro che in poliestere.
Opere acquistate in Svizzera e in America.

1977 – 1991
Esperienze e lavori di vario genere. Inizialmente lavori in marmo a Carrara, anche di grandi dimensioni. Successivamente modelli, progetti e lavori in terracotta, studi sul disegno e sulla geometria, fusioni in bronzo.
Grandi opere pubbliche:

• Giardini di Cassano d’Adda (1980)
• Gibellina, Sicilia (1980)
• Fiumara di A. Presti (Castel di Tusa Sicilia)
• Vada, Livorno

1992 – 1996
Parco di Hattingen, Germania, Ruhr, Kunstzone. Contemporaneamente a Milano polimaterici, cementi, carte-collages.

1997 – 2003
Lavori di vario genere secondo materie elencate prima: pietre diverse, cementi, terracotta, bronzi, fontana di Sesto San Giovanni (concorso vinto), carte ecc.

2004 – 2007
Ripresa sculture degli anni 70, rielaborazioni da stampi di allora. Dall’estate 2006 ripresa quadri pittura ad olio con riferimento agli anni ’60.

 
 
 
 

Paolo Schiavocampo - www.paoloschiavocampo.it  - e-mail: scrivimi
| Home | L'artista | Biografia | Bibliografia | Collettive | Personali | Opere | Critica |

2007 © - Tutti i diritti riservati - webmaster: daversale
in hosting su: fattispazio.it